Ottenere back link gratis

Terry Kile, nel suo ebook 'The Backlinks Black Belt Report', ci spiega come sia facile ottenere un gran numero di back link gratis. Innanzitutto, si parla dell'utilità di avere molti link alle pagine del proprio sito, anche se ottenuti molto velocemente e da siti non del tutto attinenti.

Se davvero bastasse una veloce attività di link building per mettere un sito in Sandbox, ossia per far sparire temporaneamente un sito dalle Serp di Google, ognuno potrebbe approfittarne per penalizzare i concorrenti.

L'importante è cercare di non ottenere link da cattivi vicini, ossia da siti bannati o considerati siti spam dal famoso motore di ricerca. L'obiettivo dovrà essere quello di ottenere un buon posizionamento nel lungo periodo, non importa se nel brevissimo periodo il sito avrà bruschi movimenti nelle Serp o temporanee, brevissime, sparizioni e riapparizioni, cosa che ottenere tantissimi back link in un tempo molto breve potrà portare.

Prima di illustrarvi il metodo reale per ottenere un gran numero di collegamenti ipertestuali alle proprie pagine, ci soffermiamo su qualche consiglio, che riteniamo molto utile, che Terry Kile ci da sul suo libro:

  • Puntare sempre alla prima posizione. Questo perchè fra la prima e la seconda posizione ci saranno grosse differenze di traffico, almeno in linea generale, per la maggior parte delle chiavi di ricerca e per la maggior parte delle nicchie. Quindi è consigliabile non concorrere, se si pensa che non si possa raggiungere la prima posizione.
  • Spesso si hanno migliori risultati ignorando i link alla home page e preferendo i link alle singole pagine, cercando di non variare l'anchor text nei back link. Questo consiglio va un pò contro corrente. Se la maggior parte dei SEO consiglia di variare l'anchor text, ossia il testo contenuto nel collegamento, Terry Kile ci consiglia di usare sempre lo stesso anchor per linkare una determinata pagina, per avere un miglior risultato.
  • Usando i back link, cercare di dominare una particolare chiave di ricerca, utilizzando diversi canali. Ad esempio oltre a posizionare una pagina del sito, consiglia di posizionare un video youtube, un articolo su un blog famoso, etc. In questo modo si riusciranno ad ottenere più risultati in prima pagina, relativi alla stessa risorsa.

Adesso parliamo del trucco, se così si può chiamare, per ottenere facili backlink in modo gratuito. Tra i software utili per automatizzare l'attività di link building si menzionano Seo Quake e Social Bot. Il primo vi servirà per conoscere la qualità dei link dai vari siti, il secondo per automatizzare l'inserimento dei link ai Social Bookmark.

Mentre il primo è gratuito ed è un plug-in per Firefox, il secondo è a pagamento, quindi vi consigliamo di cercare qualche servizio gratuito che svolga la stessa attività.

Il trucco per ottenere back link gratis sta nell'iscrizione a tutti quei siti, che consentono la creazione di profili, visibili ai motori di ricerca, dove poter inserire collegamenti con codice HTML/BB.

Quindi si consiglia di iscriversi a tutti qui forum, community e quant'altro, dove è possibile creare il proprio profilo e dove è possibile inserire i propri link con anchor text.

Nella scelta di questi siti occorre porre particolare attenzione al fatto che il profilo debba essere visibile ai motori di ricerca, per questo basta connettersi anonimamente ad esempio ai vari forum, cliccare su un membro e vedere se il profilo è visibile. Seo Quake ci aiuterà a capire se i link inseriti nel profilo sono DoFollow o meno.

Scelti i siti, Terry Kile ci da qualche dritta su come attuare un'attività di link building ottimale. Innanzitutto consiglia di non postare assolutamente sui forum dove sono stati creati i profili ad Hoc, per evitare di far vedere agli utenti i vari link inseriti. Consiglia di inserire i link solo dopo che lo username sia scomparso dalla lista dei nuovi utenti del forum. Consiglia, per diminuire il rischio di essere bannati, di inserire una foto, visto che la maggior parte degli spammer non inseriscono foto e di inserire il maggior numero di dati, magari aiutandosi utilizzando Roboform. Limitare, almeno all'inizio, il numero di link su ciascun profilo a 2 o 3, per vedere se rimangono stabili.

Su ciascun profilo consiglia di inserire, oltre al link alla pagina che si vuole posizionare, anche il link ad 1 o 2 dei profili precedentemente creati, per facilitarne l'indicizzazione sui motori di ricerca.

Cominciare la vostra attività di link building è semplice. Ad esempio potreste fare una ricerca su Google con la chiave 'powered by vbulletin', che come saprete è una famosissima e utilizzatissima piattaforma per forum. La maggior parte dei forum vbulletin consentono la creazione di profili visibili con link DoFollow.

Appena avremo una corposa lista di forum, community, siti italiani dove poter inserire i vostri link, realizzeremo un altro post, per adesso cercateli da soli, dovrete pur fare qualcosa...